ROMA-Sarà ancora una volta Roma – Liverpool. Questo è il  verdetto sentenziato dal sorteggio di Nyon. Gara di andata della semifinale il 24 aprile ad Anfield Road,ritorno il 2 maggio all’Olimpico. I giallorossi affronteranno Mohammed Salah, venduto ai Reds per 42 mln +8 bonus, fin qui una stagione straordinaria per l’egiziano dopo le due stagioni alla ROMA.Nei corsi e ricorsi storici tra i due club, non solo la finale di Coppa Campioni del 30 maggio del 1984, quando la Roma dovette vivere la delusione più grande della sua storia  dopo i calci di rigore, con gli errori di Conti e Graziani. I 90 minuti regolamentari ed i supplementari erano terminati sull’1-1. Nel 2001 nuova sfida, questa volta valevole per la Coppa Uefa. Il Liverpool sbanca l’Olimpico grazie ad una doppietta di Owen, al ritorno vittoria inutile dei giallorossi per 1-0 ma con l’arbitro Garcia Aranda che nega un incredibile penalty  che avrebbe portato i giallorossi al supplementare . Nella stagione successiva nel secondo girone di Champions, quello degli ottavi, pareggio 0-0 all’Olimpico e nell’ultimo match quello decisivo, vittoria del Liverpool per 2-0  con le reti di Litmanen ed Heskey. Ai quarti si qualificarono Liverpool e Barcellona, eliminato il Galatasaray oltre alla Roma. Sfida interessante, tra i due tecnici  in grande ascesa come Klopp e Di Francesco. Reds che adottano un 4-3-3. Squadra spettacolare che realizza tante reti. Neo, non impeccabile in difesa e squadra corta al momento con Lallana e Can infortunati.

DAVID BIRTOLO