ROMA-Il Bayern Monaco ha stravinto la Bundesliga e si può concentrare sulla semifinale di Champions contro il Real. Andata in casa il 25 aprile all’Allianz Arena il 25 aprile e ritorno al Bernabeu il 1 maggio. 4-1-4-1 il modulo di Heynckes,  che a fine stagione lascerà il Bayern dopo esserci tornato per la terza volta sostituendo Ancelotti. Prossimo tecnico sarà Nico Kovac, attuale tecnico dell’ Eintracht. Punti forti gli esterni di attacco, anche se Ribery e Robben non sono giovanissimi con i loto 35 e 34 anni. Infortunato Koman, sarà Muller a trascinare i bavaresi oltre al solito bomber Lewandowski che a fine stagione lascerà la Baviera. Alaba  e Vidal tornano da un infortunio e non sono al 100%.Ulreich sta chiedendo in crescita la stagione, ma non è paragonabile a Neuer. Potrebbe pagare l’inesperienza a certe partite ed a certi livelli. Sull’altra sponda c’è sicuramente la squadra più forte d’Europa non foss’altro per i trofei vinti e per le innumerevoli partecipazioni alla Champions League. Le “merengues” puntano come sempre alla finale ma sanno che non sarà facile con il Bayern, lo dice esplicitamente Emilio Butragueño, responsabile relazioni istituzionali Real Madrid: “Arrivare a questa fase della competizione non è facile e noi ci siamo riusciti per otto anni di fila. La parte più difficile deve ancora arrivare e l’ultimo passo è sempre il più difficile. Speriamo di arrivare in finale anche questa volta. Il Bayern è una grande squadra e dovremo essere al massimo in entrambe le partite”.

DAVID BIRTOLO