Tennis – Internazionali d’Italia: Sonego e Baldi, è qui il futuro?

 

ROMA-Piccoli azzurri crescono; la prima giornata degli Internazionali d’Italia 2018 ha sancito che forse il tennis italiano maschile può sperare in un futuro roseo, tennisticamente parlando. Infatti sia Lorenzo Sonego, 23enne torinese, attuale numero 142 del mondo, che Filippo Baldi, 22 anni milanese ma residente a Vigevano, e numero 368, hanno passato il turno rimontando il primo set a due volponi del circuito. Sonego, entrato nel tabellone principale grazie ad una wildcard conquistata vincendo il torneo delle prequalifiche, si è salvato col servizio nei momenti topici del match mandando da una parte in visibilio i tanti appassionati accorsi sul Centrale, dall’altra in tilt il mancino francese Mannarino, numero 27 della classifica mondiale; lo score di 2-6 7-6(4) 6-3 la dice lunga sulla caparbietà del piemontese, cresciuto tantissimo nell’ultimo mese, come testimonia lo scalpo di Gasquet a Budapest. “Negli ultimi mesi è cambiata la mentalità – ha spiegato in sala stampa il lungo ragazzo torinese – sono più consapevole, concentrato, entro in campo sempre per dare il massimo . Ho lavorato tanto e sto migliorando, ma voglio migliorare ancora. Il mio idolo? Federer, ma è dura prendere lui come riferimento…” Il prossimo avversario? Non ci penso, già essere qua è bellissimo. Io devo solo divertirmi, non ho niente da perdere”. Insomma… l’occasione di arrivare al terzo turno è ghiotta; Sonego infatti affronterà il terdesco Gojowczyk, numero 52 del ranking mondiale, non un mostro per bravura e tecnica, che però ha battuto a sorpresa lo statunitense Sam Querrey, 12, in due sole partite (6-2 7-6). I progressi dell’italiano passano forse anche e soprattutto per questo match. Progressi che appunto ha fatto registrare anche Baldi che, dopo esser sconfitto proprio da Sonego nello spareggio delle prequalifiche per entrare nel tabellone principale, ha passato le qualificazioni con straordinaria tenacia e coraggio, regolando in due match maratona prima l’ungherese Fucsovics (numero 61 de mondo) e poi lo spagnolo Garcia-Lopez, oggi numero 69 ma capace di raggiungere nel 2011 la 23ma posizione del ranking. Devo ancora realizzare quello che è successo”, ha dichiarato alla fine un incredulo Baldi, “E’ un onore essere qui,è il mio primo Master 1000, entrare nel tabellone è una cosa bellissima. Voglio godermi ogni momento. Mi sono divertito tantissimo oggi e spero di divertirmi ancora. Il prossimo avversario? Qui il più ‘scarso’ è numero 40 del mondo… Chiunque sarà, sarà una bella battaglia e una bella esperienza”. E il sorteggio gli ha riservato il georgiano Basilashvili, numero 77 del ranking, altro qualificato come Baldi stesso, dei tre affrontati sinora quello più indietro in classifica. Non c’è da fidarsi ma è ora di rompere gli indugi e arrivare più lontano possibile, I romani lo meritano. Per quanto concerne gli altri risultati, rientro amaro per il 33enne svizzero Wawrinka (ora 25 ma numero 3 del mondo quattro anni fa) stoppato subito dallo yankee Johnson (55) con un duplice 6-4. Wawrinka era fermo dal torneo di Marsiglia dello scorso febbraio, per i problemi al ginocchio che lo hanno attanagliato. E’ sfumato infine l’ingresso nel tabellone principale per l’attuale numero 1 d’Italia Camila Giorgi che non ha avuto la wild card dagli organizzatori per motivi extrasportivi; la marchigiana è stata eliminata in tre set dalla statunitense Collins (2-6 6-4 6-2), n.49, 24 anni, che aveva iniziato l’anno al numero 167 (poi ha vinto a Newport Beach, è arrivata agli ottavi a Indian Wells e addirittura in semifinale a Miami, passando dalle qualificazioni.

Andrea Curti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *