Giro d’Italia. 11° Tappa. Yates dopo il Gran Sasso vince anche ad Osimo!

OSIMO- L’undicesima tappa Assisi-Filottrano-Osimo dedicata al compianto Michele Scarponi, nato e vissuto qui, falciato da un furgone mentre si allenava su queste strade a lui tanto care. Percorso che Scarponi conosceva bene, colmo di difficoltà relative ai tanti sali-scendi che hanno caratterizzato la corsa vinta con scatto finale perentorio dalla Maglia Rosa Simon Yates, il britannico che ha bissato l’altra vittoria, quella con traguardo sul Gran Sasso. Yates ha vinto, forte della sua caparbietà nell’ultimo chilometro, quello più difficile all’interno della cinta medioevale di Osimo. Tappa comunque entusiasmante per i tanti strappi dei fuggitivi come Masnada, De Marchi e Sanchez. Un trio che regge fino a 15 chilometri dal traguardo, poi pian piano ripresi dal gruppo che si snoda sui sali-scendi, alcuni con pendenze del 15/16 per cento. Ad Osimo Scalo il plotone si snoda lungo le strade che portano al centro di Osimo città dove è piazzato il traguardo. C’è anche uno sporadico strappo di Wellens e Styber ma dura decisamente poco sulle salitelle impervie. Tenta lo sprint Simon Yates forte nella pedalata poderosa. E’ primo all’interno del centro storico di Osimo, nemmeno Domoulin riesce a stargli a ruota. Lo strappo di Yates  è perentorio e vincente. Il britannico taglia il traguardo dopo 3 ore e 25 minuti di una corsa dura ma assolutamente entusiasmante e meritatamente vinta dal migliore. Domani, giovedì 17, si riparte da Osimo e si arriva a Imola per la dodicesima tappa del Giro d’Italia. Frazione pianeggiante lungo la costa Adriatica e poi verso l’interno, passando per Cesena e Forlì fino ad arrivare nell’autodromo di Imola.

MAURO CEDRONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *