Crotone-Lazio 2-2. Per le due squadre champions e salvezza nel prossimo ed ultimo turno di campionato!

ROMA- Tutto in una partita. Quella di domenica all’Olimpico contro l’Inter che nonostante la sconfitta con il Sassuolo può giocarsi il passaggio in Champions in virtù del pareggio della Lazio a Crotone. Tre i punti di distacco in classifica tra le due squadre ma potevano essere di più e decisivi per la Lazio per andare direttamente in Champions. Invece Leiva e compagni hanno gettato al vento una straordinaria occasione. Ora la Lazio avrà a disposizione 2 risultati su 3 all’Olimpico ma sarà comunque una partita al cardiopalmo davanti a 70 mila tifosi pronti ad incitare le due formazioni.

CROTONE-LAZIO 2-2. Il Crotone scende in campo con il solito 4-3-3, la Lazio propone il 3-5-2 con i due esterni di centrocampo a dare manforte alla difesa ed in avanti Anderson alle spalle di Caicedo. La differenza sostanziale tra le due squadre emerge immediatamente. Calabresi giocano di contropiede mentre i biancocelesti puntano di più sulla manovra e sulla fisicità maggiore rispetto agli avversario. Al 13° la prima occasione buona per la Lazio con Milinkovic che indirizza il pallone di poco fuori alla destar del portiere.. L’episodio che da una prima svolta alla gara arriva al 15° quando Lulic entrando in area avversaria viene stoppato da Ceccherini: rigore netto fischiato da Mazzoleni. Il gol realizzato dal dischetto dallo stesso Lulic infiamma ancor di più la partita e la reazione del Crotone non si fa attendere con Nalini che crossa un perfido pallone in area ignorato dai suoi compagni ma che mette un pò di paura a Strakosha. E’ il prologo al pareggio del Crotone che arriva al 28° con un colpo di testa del lungagnone Simy imbeccato magistralmente da un cross di Martella. Errore grossolano della difesa biancoceleste che non cambia le marcature mettendo De Vrij o Wallace sul colored piuttosto che Radu che è alto la metà dell’avversario. Errore evidente nello scalare le marcature. Si riparte e la Lazio ci riprova a pochi minuti dal termine del primo tempo con un filtrante di Anderson per Caicedo che non chiude. La seconda parte di gara è sicuramente più entusiasmante. Si inizia con una traversa colpita da Caicedo sugli sviluppi di una punizione battuta da Anderson. al 9° minuto è già tempo di cambi. Entrano Caceres al posto di Radu e Patric al posto di Murgia. La Lazio si sistema meglio in campo ma è il Crotone ad andare in gol con Ceccherini che sfrutta una punizione del Crotone. Il 2 a 1 pesa in modo diverso sulle due formazioni. I risultati che arrivano dagli altri campi danno più vigore ai calabresi mentre per i biancocelesti c’è la necessità di ribaltare il risultato  se si vuol evitare lo spareggio con l’Inter. Inzaghi ci vuol provare, toglie Basta e fa entrare Nani ma è ancora il Crotone a metter paura agli avversari che salvano un gol praticamente fatto con De Vrij sulla linea di porta a respingere. Una paura che evidentemente ridà coraggio alla Lazio che al 38° va in gol con Milinkovic dopo un cross mortifero di Anderson. E’ il 2 a 2, un pareggio che “condanna” la Lazio a giocarsi il passaggio in Champions all’Olimpico contro l’Inter in virtù dei tre punti di vantaggio e “condanna” il Cotrone a dover vincere a Napoli nell’ultimo turno di campionato.

MAURO CEDRONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *